Stelle e Ambiente

Notizie

CATANIA: BRUTALE CAPITOZZATURA DEI FICUS MICROCARPA DI LARGO BORDIGHERA

CAPITOZZATI PURE I FICUS DI LARGO BORDIGHERA

Fanno una pena indicibile, i Ficus microcarpa di largo Bordighera capitozzati e ridotti a scheletrici pali ramificati spogli di foglie, protesi verso il cielo quasi a voler chiedere aiuto. Fino a qualche giorno fa, erano alberi frondosi che davano ombra e frescura, le loro foglie rilasciavano ossigeno e rimuovevano cospicue quantità di anidride carbonica (un albero può azzerare quasi quattro tonnellate di anidride carbonica in vent’anni di vita) e trattenevano anche le pericolose polveri sottili oltre a fissare sostanze come benzene, ossidi di azoto, diossina e molte altre. Eppure, ciò nonostante, il Servizio tutela e gestione del Verde pubblico ha ordinato la loro capitozzatura agli operai della Catania Multiservizi, che a colpi di motosega hanno rimosso interamente o quasi le chiome, potando drasticamente pure quelle di alcuni oleandri con portamento arboreo.

Assessori e dirigenti comunali, spesso assaliti dal timor panico più che spinti dalla reale necessità di salvaguardare l’incolumità pubblica, scrivono ordinanze e ordinano esecuzioni di lavori convinti di mantenere gli alberi sani e sicuri. La città di Catania, dall’agosto 2019, si è dotata di un Regolamento del verde pubblico e privato che impone precise raccomandazioni e linee guida per ciò che riguarda la gestione del patrimonio arboreo cittadino. Ciò nonostante, gli scempi sono all’ordine del giorno: i platani di via VI Aprile, le siepi di oleandri di strade e rotatorie, i Ficus della circonvallazione.  Si vedono ovunque tagli indiscriminati che non rispettano la fisionomia naturale delle piante, interventi scriteriati eseguiti da operai che eseguono ordini per “mettere in sicurezza gli alberi”, ignorando persino che è in vigore un Regolamento da rispettare che li obbliga a limitare la riduzione della chioma entro il 25%.

Non si protesta sull’onda emotiva suscitata dalla visione dei poveri alberelli capitozzati ridotti a scheletrici pali, ma perché numerose ricerche scientifiche effettuate studiosi agronomi arboricoltori (figura professionale che il Comune di Catania non ha in organico) sui danni riportati dagli alberi una volta privati della loro chioma sconsigliano questa barbara pratica che, nel tempo, indebolisce le piante e le rende vulnerabili alle patologie causate da germi che riescono a penetrarvi attraverso le lacerazioni dei tessuti delle superfici di taglio, peraltro mai coperte da sostanze cicatrizzanti. Ebbene, nonostante sia in vigore dall’agosto dello scorso anno il Regolamento sul Verde pubblico e privato, che all’articolo 18 vieta espressamente le capitozzature pena sanzione pecuniaria, si continua immotivatamente e impunemente a capitozzare. Quali pericoli, per i cittadini, costituivano i Ficus microcarpa di largo Bordighera tali da giustificare la eliminazione delle loro chiome? Perché privare della loro chioma alberi sempreverdi? Perché non limitarsi al taglio del seccume, dei rami bassi e sporgenti sulla sede stradale o protesi verso balconi e finestre dei palazzi vicini? Chi di dovere dovrà prima o poi dare una convincente e scientificamente valida risposta a tali interrogativi.

GIUSEPPE SPERLINGA

ficus-capitozzati-largo-bordighera-la-sicilia-4novembre2020 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-4 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-6 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-8 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-11 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-14 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-19 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-21 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-26 capitozzati-i-ficus-microcarpa-di-largo-bordighera-31ottobre2020-31 largo-bordighera-prima-e-dopo-2020

Commenti

commenti