Stelle e Ambiente

Notizie

9° CORSO DI ETNOBOTANICA ETNEA

9° CORSO DI ETNOBOTANICA ETNEA – MUSEO DELL’ETNA (VIAGRANDE) 9-10 DICEMBRE 2017
Direttore: prof. Salvatore Arcidiacono.
Coordinatore: prof. Giuseppe Sperlinga.
Docenti: prof. Salvatore Arcidiacono, dott.ssa Giovanna Marletta.

Il Corso à articolato in cinque lezioni teorico-pratiche che avranno la durata di 45-60 minuti ciascuna e si terranno nel corso della giornata di sabato 9 dicembre, nella sede del Museo dell’Etna, in via Dietro Serra, Viagrande (Ct), nonché una esercitazione pratica di quattro ore per il riconoscimento e la raccolta di piante selvatiche commestibili in una campagna di Motta S. Anastasia (Ct) che si terrà nella mattinata di domenica 10 dicembre.

PROGRAMMA

Sabato 9 – Auditorium del Museo dell’Etna
Ore 9.00-9.30: accoglienza e iscrizioni al Corso.
Ore 9.30-10.15: “Introduzione al regno delle piante” (prof. Salvatore Arcidiacono).
Ore 10.15-10.30: pausa
30-11.15: “Le piante selvatiche e l’uomo” (prof. Salvatore Arcidiacono).
Ore 11.15-11.30: pausa
Ore 11.30-12.30: “Le piante tossiche e velenose di Sicilia” (prof. Salvatore Arcidiacono).
Ore 13.00-14.45: pausa pranzo a carico dei partecipanti.
Ore 15.00-16.00: “Fitoterapia: piante spontanee nella medicina popolare” (dott.ssa Giovanna Marletta).
Ore 16.00-17.00: “Fitoalimurgia: piante selvatiche alimentari” (dott.ssa Giovanna Marletta).

Domenica 10 – Motta S. Anastasia
Ore 9.30: raduno al parcheggio del Parco Gioeni di via Angelo Musco.
Ore 10.00: esercitazione in una campagna di Motta S. Anastasia per la raccolta di verdure selvatiche mangerecce (prof. Salvatore Arcidiacono e dott.ssa Giovanna Marletta).
Ore 12.00: consegna degli attestati e chiusura del Corso.

La quota individuale di partecipazione al corso è di € 30,00 (trenta//00) e comprende i power point delle lezioni trattate e l’e-book in pdf “Le verdure spontanee dell’Etna” (nuova edizione) del prof. Salvatore Arcidiacono.

I corsisti avranno diritto allo sconto del 25% sul prezzo di copertina (€ 15,00 anziché € 20,00) del recente volume “Etnobotanica Etnea – Le piante selvatiche e l’uomo” del prof. Salvatore Arcidiacono stampato dall’Ente Fauna Siciliana per i tipi della Casa editrice Danaus di Palermo.

Ai soci delle associazione “Amici della Terra” e “Stelle e Ambiente” sarà praticato lo sconto di € 10,00 sulla quota d’iscrizione al corso.

Gli spostamenti in auto per raggiungere la sede del corso e la campagna di Motta S. Anastasia sono a carico dei partecipanti.

Informazioni, prenotazioni e iscrizioni:
Tutti i giorni, dalle 9 alle 21, telefonando ai numeri 3288172095 e 3402161035 (WhatsApp) oppure con email a info@stelleambiente.it
Sabato 9 dicembre, dalle 9 alle 9.30.

 

locandina-9corso-etnobotanica locandina-9corso-etnobotanica2 brassica-nigra-sinapi-campagna-caruso-motta-s-anastasia-10novembre2017 cosci-i-vecchia-belpasso-7febbraio2017-1 img_4777 mandragora-terreno-vicino-ulivo-millenario-motta-s-anastasia-10ottobre2017-1 ricognizione-delegazione-comunale-massannunziata-23febbraio2017-7 ricognizione-monte-ciraulo-23febbraio2017-18 urrania-cardedda-via-ulivo-millenario-motta-sa-15febbraio2017-3 urrania-cardedda-via-ulivo-millenario-motta-sa-15febbraio2017-4

I “GIOIELLI” DI MOTTA SANT’ANASTASIA (CT)

Andremo alla riscoperta dei “gioielli” di Motta Sant’Anastasia, a 15 km da Catania, edificato su una rupe vulcanica (“motta”) sulla quale i Normanni vi costruirono un dongione di difesa militare costiera.

Dopo aver visitato gli ulivi plurisecolari, autentici patriarchi verdi, vedremo il Neck vulcanico con i suoi basalti colonnari prismatici a sezione pentagonale ed esagonale.

Percorrendo una bella scalinata in pietra lavica, arriveremo al Castello normanno. Da qui, ci trasferiremo in auto al Mausoleo di Guerra Germanico dove sono custodite le spoglie mortali dei soldati tedeschi caduti durante l’ultimo conflitto mondiale, tra cui quelle del grande campione di atletica Luz Long.
Alle 12, ci recheremo nel frantoio Peltom, alle porte del paese, per gustare fettine di pane casereccio condito con olio d’oliva extravergine novello, con possibilità di acquisto di olio prodotto dall’oleificio e di vino novello.

Info: 3288172095 – 3402161035 (WhatsApp)

locandina-motta-s-a-26novembre2017 motta-29gennaio2014-neck-ulivi-millenari-verdure-19 motta-29gennaio2014-neck-ulivi-millenari-verdure-40 basalti-colonnari-neck-motta-s-anastasia-foto-nerino-coco-9feb2014

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

img_9530 img_9553 img_9562 img_9546 1-visita-oleificio-peltom img_9494 img_9503 img_9504 img_9505 img_9522 img_9523

MOTTA CAMASTRA E LA CUCINA DELLE MAMME DEL BORGO

IL BORGO DI MOTTA CAMASTRA (MESSINA)
L’associazione Stelle e Ambiente organizza, dalle 8.30 alle 16, di domenica 19 novembre una visita al borgo di Motta Camastra (Messina) con pranzo itinerante preparato dalle mamme del borgo. Guidano i professori Salvatore Arcidiacono e Giuseppe Sperlinga e il socio Danilo Longo. 
Raduni
– ore 8.30 parcheggio del Parco Gioeni di via Angelo Musco;
– ore 9.20 area di servizio “Calatabiano Est” autostrada Ct-Me. 
Info e prenotazioni: 3288172095 – 3402161035 (WhatsApp).
Equipaggiamento
– Jeans, felpa, scarpe da ginnastica e cappellino.
– Giacca a vento.
Fine attività: ore 16.
Contributo € 22,00 comprendente il pranzo itinerante delle mamme del borgo e la guida per la visita del paese.
Obolo: € 3,00 per tutti soci e non soci partecipanti.

locandina-motta-camastra-19novembre2017 locandina-menu-motta-camastra-19novembre2017

Grotte di Sciara Galifi e Mezzasciara – Sagra salsiccia e caliceddi di Ragalna (Etna est)

DOMENICA 12 NOVEMBRE 2017 – ORE 8.30-13

ESCURSIONE SPELEO-NATURALISTICA ALLE GROTTE DI SCIARA GALIFI E DI MEZZASCIARA (BELPASSO-RAGALNA)

SAGRA DELLA SALSICCIA, CALICEDDI E VINO IN PIAZZA CISTERNA DI RAGALNA (ETNA EST)

L’Associazione Stelle e Ambiente organizza per domenica 12 novembre, dalle 8.30 alle 13, una escursione speleo-naturalistica di mezza giornata alle grotte di Sciara Galifi e di Mezzasciara, due belle gallerie di scorrimento lavico formatesi nelle lave di una eruzione avvenuta in epoca medievale di facile percorribilità, le stesse che hanno dato origine alla vicina grotta d’Angela.

I caschi dotati di illuminazione elettrica saranno forniti ai partecipanti da Stelle e Ambiente.

Equipaggiamento

  • scarponcini da trekking
  • jeans
  • cappellino
  • felpa
  • giacca a vento
  • borraccia con acqua rigorosamente NON frizzante
  • lampada elettrica tascabile (facoltativa)

DIFFICOLTA’: FACILE

Guida il prof. Giuseppe Sperlinga, presidente di Stelle e Ambiente, coadiuvato dalla prof.ssa Giovanna Cavallaro, segretaria di Stelle e Ambiente.

Contributo (obolo): € 5,00 non soci – € 2,00 soci

ALLE 12, TUTTI IN PIAZZA CISTERNA DI RAGALNA PER GUSTARE UN PIATTO CON DUE NODI DI SALSICCIA CON CONTORNO DI CALICEDDI E PANINO (COSTO € 5,00 DA VERSARE AGLI ORGANIZZATORI DELLA SAGRA RAGALNESE).

Raduni

  • ore 8.30: parcheggio del Parco Gioeni;
  • ore 9.30: rettilineo dopo il cimitero di Nicolosi in direzione Ragalna.

SPOSTAMENTI CON AUTO PROPRIE.

INFO

  • 3288172095
  • 3402161035 (WhatsApp)

locandina-grotte-mezzasciara-e-sciara-galifi-12novembre2017 dsc_1859 dsc_1890 grotta-mezzasciara-4dicembre2015-44 sagra-salsiccia-caliceddi-e-vino-ragalna-12novembre2017

PLANETARIO DI ZAFFERANA E ANTRO DI POLIFEMO

SABATO 11 NOVEMBRE 2017 – ORE 8.30-13

PLANETARIO E ANTRO DI POLIFEMO DI ZAFFERANA ETNEA

L’associazione Stelle e Ambiente e la Fidapa di Sant’Agata li Battiati (CT) organizzano la visita al Planetario e all’Antro di Polifemo di Zafferana Etnea (CT) nella mattinata di sabato 11 novembre 2011, dalle 8.30 alle 13.

Lo spettacolo al planetario sarà preceduto dalla conversazione del prof. Giuseppe Sperlinga, presidente di Stelle e Ambiente, sul tema “L’inquinamento luminoso”.

A seguire , la visita all’Antro di Polifemo di Piano dell’Acqua (fronte lavico dell’eruzione del 1991-93). Fine attività ore 13.

Raduni

  • ore 8.30: parcheggio del parco Gioeni di via Angelo Musco;
  • ore 9.15: bar di fronte la chiesa madre di Fleri angolo strada per Pisano-Santa Venerina.

Partecipazione aperta a tutti.

E’ previsto un contributo di € 4,00 per ingresso al Planetario e all’Antro di Polifemo.

Info

  • 3288172095
  • 3402161035

planetario-e-grotta-polifemo-11novembre2017

SCIARE DI SANTA VENERA E BALZE SOPRANE (BRONTE-MALETTO-ETNA OVEST)

Escursione speleo-archeo-naturalistica dell’intera giornata all’area archeologica delle Sciare di Santa Venera e alle gortte Balze Soprane nel territorio di Bronte-Maletto (Etna Ovest). Percorso facile 2 km A/R.
Equipaggiamento:
– scarponcini e bastoncini da trekking;
– felpa;
– k-way o giacca a vento;
– cappellino;
– borraccia.
COLAZIONE AL SACCO
Fine attività: ore 16.
Guidano i professori Salvatore Arcidiacono e Giuseppe Sperlinga e il dott. Iorga Prato.
Contributo di partecipazione (obolo): € 5,00 non soci – € 2,00 soci.
Raduni
– ore 8.30: parcheggio parco Gioeni di via Angelo Musco a Catania.
– ore 9.15: area di servizione Esso S.S. 121 Catania-Paternò dopo svincolo Etnapolis/Valcorrente.
Info:
– 3288172095
-3402161035 (WhatsApp)
locandina-sciare-di-s-venera-29-ottobre2017 percorso-sciare-s-venera

GROTTA D’ANGELA E SAGRA DEL FICODINDIA DELL’ETNA DOP DI BELPASSO (ETNA SUD-OVEST)

GROTTA D’ANGELA E SAGRA DEL FICODINDIA DELL’ETNA DOP DI BELPASSO (ETNA SUD-OVEST)

L’associazione Stelle e Ambiente organizza, domenica 22 ottobre, una escursione di mezza giornata alla Grotta d’Angela, la bella galleria di scorrimento lavico dotata di due ingressi che si aprono uno in territorio di Ragalna, l’altro in territorio di Belpasso. I caschi dotati di illuminazione elettrica saranno messi a disposizione dei partecipanti dall’associazione.
Dopo la visita alla grotta, alle 12, seguirà la partecipazione alla 4° Sagra del Ficodindia dell’Etna dop che si svolgerà nella villa comunale di Belpasso, dove sarà possibile degustare gratuitamente e acquistare ficodindia dell’Etna e derivati, quali marmellate, mostarde e altro ancora.
Guida il presidente di Stelle e Ambiente, prof. Giuseppe Sperlinga.
Raduni:
– ore 8.30: parcheggio del Parco Gioeni di via Angelo Musco/Leucatia.
– ore 9.30: piazza Cisterna di Ragalna.
Equipaggiamento:
– scarponcini da trekking
– jeans
– pile e giacca a vento leggeri
– borraccia
Difficoltà: facile
Lunghezza percorso A/R: 1 km
Contributi
– € 5,00 non soci
– € 2,00 soci
Prima dell’escursione sarà possibile iscriversi all’associazione Stelle e Ambiente e i soci potranno rinnovare la quota associativa per l’anno 2018.
Info
– 3288172095
– 3402161035 (WhatsApp)
NON OCCORRE PRENOTAZIONE.

locandina-grotta-dangela-belpasso-22ottobre2017 grotta-dangela-belpasso-ragalna-2014 sagra-ficodindia-etna-belpasso-21-22ottobre2017bis sagra-ficodindia-etna-belpasso-21-22ottobre2017

ESCURSIONE ALLE GROTTE DELLA CATANESE DI RAGALNA (ETNA OVEST)

L’associazione Stelle e Ambiente organizza per domenica 15 ottobre una escursione di mezza giornata alle grotte della Catanese e al bosco di Minicucco Fimminedda (Bagolaro dell’Etna) in territorio di Ragalna (Etna ovest).

Guidano i professori Salvatore Arcidiacono e Giuseppe Sperlinga.
Raduni
– ore 8.30: parcheggio del Parco Gioeni di via Angelo Musco/Leucatia.
– ore 9.30: piazza Cisterna di Ragalna.
I caschi dotati di illuminazione elettrica necessari per la visita delle due grotte saranno forniti dall’associazione Stelle e Ambiente.
Contributo (obolo): € 5,00 non soci; € 2,00 soci.
Equipaggiamento: scarponcini da trekking, felpa, jeans, k-way, borraccia, cappellino.

locandina-ragalna-grotte-catanese-15ottobre2017 percorso ragalna1rid img_9063 20171011_105540 20171011_105701 img_9057 img_9061

BAT BOX: UNA CASA PER I PIPISTRELLI

BAT BOX: UNA CASA PER I PIPISTRELLI

MARTEDI’ 3 OTTOBRE 2017, DALLE ORE 9 ALLE ORE 12

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE “EDMONDO DE AMICIS” DI TREMESTIERI ETNEO (CT)

I pipistrelli sono gli unici mammiferi capaci di volo attivo adattati alla vita notturna. Le abitudini notturne, l’elusivo comportamento e l’aspetto morfologico (sgraziato, secondo gli standard di bellezza umani) hanno da sempre suscitato nell’uomo un forte e istintivo senso di repulsione, che, in passato, si è tradotto in una spietata, crudele quanto immotivata persecuzione di questi innocui animali. Eppure i pipistrelli meriterebbero un maggior rispetto da parte dell’uomo, perché nelle notti d’estate svolgono un silenzioso e instancabile lavoro di controllo biologico delle popolazioni d’insetti. Per fare un esempio concreto, un pipistrello del peso di appena 5 g (come quelli che si vedono volare intorno ai lampioni delle nostre città) in una sola notte è in grado di divorare da duemila a cinquemila zanzare. Inoltre, essi catturano numerose specie di insetti nocive per l’agricoltura, fornendo così un prezioso aiuto alle attività umane. L’uso massiccio di insetticidi nel campo dell’agricoltura per distruggere gli insetti dannosi ha avvelenato l’ambiente e tra i primi esseri viventi a subirne le conseguenze sono proprio i pipistrelli, i quali, nutrendosi esclusivamente di insetti, accumulano sostanze tossiche nei loro tessuti, che possono causarne la morte.
I pipistrelli non costruiscono nidi né scavano tane. Per ripararsi da condizioni climatiche avverse, dai predatori o comunque da fattori di disturbo, si servono di rifugi già esistenti, quali sono le cavità degli alberi, edifici, grotte, gallerie, cave. Purtroppo, il numero dei pipistrelli è in forte diminuzione in tutta Europa e tra le cause che li minacciano, oltre all’inquinamento ambientale, vi è la scomparsa di buoni rifugi dove riposare durante il giorno o superare l’inverno in stato di letargo. Non meno preoccupante è la situazione dei rifugi negli edifici moderni. Sicuramente, una volta i pipistrelli potevano contare su una maggiore disponibilità di rifugi tra le case rurali, soffitte, cantine e fessure di ogni genere dove ripararsi. Altrettanto non può dirsi oggi, perché i nuovi edifici sono assai più poveri di rifugi per i pipistrelli. Occorre, dunque, mettere in atto alcuni accorgimenti per proteggerli e favorire la loro presenza. Vi sono valide ragioni per affermare che, negli ultimi decenni, si è verificata una consistente diminuzione numerica delle popolazioni di pipistrelli. Varie sono le cause che hanno determinato questa rarefazione, quasi tutte riconducibili a incendi, taglio dei vecchi alberi, uso indiscriminato di pesticidi nel campo dell’agricoltura, eliminazione delle siepi, disturbo nelle grotte e, infine, l’atavica ignoranza dell’uomo che ancora oggi associa l’immagine dei pipistrelli a superstizioni dure a morire: sono ciechi e si attaccano alle fluenti chiome femminili, succhiano il sangue, portano sventura se entrano nelle case e altre amenità simili.
Allo scopo di limitare il numero delle zanzare e, nello stesso tempo, di contribuire alla conservazione dei pipistrelli sono stati realizzati dei rifugi artificiali consistenti in piccole casette di legno, denominate “Bat Box”, modelli opportunamente studiati per attrarre le specie di pipistrelli che frequentano anche gli ambienti urbanizzati. Quando tali rifugi saranno colonizzati, avremo per alleato un formidabile cacciatore di insetti. Ciò fornirà, altresì, un notevole contributo al monitoraggio dei pipistrelli presenti nell’area metropolitana etnea.
In questa prospettiva, al fine di sensibilizzare i giovani studenti sul ruolo insostituibile che i pipistrelli svolgono nell’ambiente naturale e di permettere il monitoraggio di questi animali, l’Istituto Comprensivo Statale “Edmondo De Amicis” di Tremestieri Etneo ha aderito al progetto “Bat Box, una casa per i pipistrelli” proposto dall’associazione Stelle e Ambiente di Catania consentendo l’installazione di una bat box su una parete dell’edificio scolastico opportunamente orientata. 
L’evento si svolgerà martedì 3 ottobre, alle 9, nell’aula magna della scuola: dopo gli indirizzi di saluto della dirigente scolastico, prof.ssa Tiziana Palmieri, e del sindaco di Tremestieri, Santi Rando, il prof. Giuseppe Sperlinga, presidente di Stelle e Ambiente, terrà una conversazione accompagnata da immagini su “Un pipistrello per amico”. Seguiranno gli interventi di Evelyn Garofalo, assessore all’Istruzione, e Alessandro Zinna, assessore all’Ambiente ed Ecologia. 
Alle 11.15 sarà installata su una parete esterna dell’edificio scolastico la bat box con la collaborazione tecnica della signora Maricò Auteri.

invito-bat-box-de-amicis

PASSEGGIATE PATRIMONIALI DEL CONSIGLIO D’EUROPA GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO DEL MIBACT

PASSEGGIATE PATRIMONIALI DEL CONSIGLIO D’EUROPA GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO DEL MIBACT

Sabato 23 settembre 2017 il Club per l’UNESCO di Catania, nell’ambito delle Passeggiate Patrimoniali del Consiglio d’Europa, organizza, con la partecipazione dell’Associazione “Stelle e Ambiente” di Catania, una visita guidata dal titolo:
“LE VIE DELLA LAVA: DALLE PROFONDITÀ DELLE GROTTE BASALTICHE ALLE SCIARE INCOLTE DELL’ERUZIONE DEL 1669”
Il percorso si snoda attraverso tre tappe con il seguente programma:
 Ore 8,00 incontro dei partecipanti nel parcheggio del Parco Gioeni (lato via Angelo Musco)
 Ore 8,30 partenza con i propri mezzi verso la prima tappa: Grotta Petralia, nel quartiere di Canalicchio – Catania
 Ore 10,00 partenza verso la seconda tappa: Grotta della Chiesa, via Calvario n. 8 – San Giovanni Galermo.
 Ore 11,30 partenza verso la terza tappa: passeggiata tra le sciare di Campanarazzu (Misterbianco) e visita alla Chiesa sepolta dall’eruzione del 1669.
 Ore 13.00 fine della passeggiata.
Le grotte di scorrimento lavico presenti nell’area etnea sono uniche in tutta l’Europa continentale, Islanda esclusa. Esse si formano quando, durante una eruzione vulcanica, la superficie di una colata si raffredda e si consolida, formando un involucro roccioso che, essendo un ottimo coibente, consentirà alla lava di mantenersi allo stato fluido. Quando la bocca effusiva cesserà di alimentare la colata, il tubo si svuota per drenaggio parziale lasciando così una galleria di scorrimento lavico che può raggiungere anche lunghezze considerevoli. Sebbene, quindi, siano assai diffuse sull’Etna, esse non sono presenti in tutti i vulcani della Terra, ma solamente in quelli che emettono lave di tipo basaltico, molto calde, fluide e relativamente povere di gas. Ancorché ambienti di interesse archeologico, per la lunga frequentazione umana, e di valore paleontologico per la presenza di depositi fossili di fauna estinta, le grotte sono biotopi importanti perché ospitano, spesso, esclusive comunità animali e vegetali perfettamente adattate alle difficili condizioni del mondo ipogeo. È necessario, perciò, salvaguardare l’integrità delle grotte di scorrimento lavico e delle sciare incolte dell’Etna per non perdere, per sempre, questi capolavori della Natura.
Poiché l’accessibilità ai vari siti è scarsa sarà necessario l’uso di abiti adeguati o di tuta intera, guanti e scarponcini con suola scanalata, nonché di caschi con lampada elettrica (i caschi saranno messi a disposizione dei partecipanti dalla “Ass. Stelle e Ambiente”).
È richiesto un contributo di €.5,00 p.p. Per ragioni organizzative è necessario confermare la presenza entro il 19/09/2017 telefonando ai seguenti numeri:
 3480180453 (Ing. Giuseppe Furnari / e-mail: g.furnari2111@gmail.com )
 3397595452 (Dott. Luigi Savarino / e-mail: luigisavarino2@virgilio.it )
Vi aspettiamo con vero piacere.
 
   Prof. Giuseppe Sperlinga                                     Prof.ssa Ofelia Guadagnino
Presidente Stelle e Ambiente                            Presidente Club per l’Unesco CT
passeggiata-unesco-23settembre2017 petralia1 grotta-petralia-i-due-occhi grotta-chiesa lave-campanarazzu campanarazzu