Stelle e Ambiente

Notizie

LA COMETA DI NATALE: “C/2021 A1 LEONARD”

LA COMETA DI NATALE

Sarà un Natale allietato dall’arrivo della nuova cometa che da alcune settimane sta solcando il cielo e che, probabilmente, riusciremo a vedere anche a occhio nudo. È la cometa “C/2021 A1 Leonard”, potrebbe diventare talmente luminosa da essere alla portata di un piccolo binocolo, di un cannocchiale e persino dei nostri occhi, se osservata da località lontane da inquinamento luminoso. Cosa significa la sigla “C/2021 A1 Leonard” è presto detto: “Leonard” è il nome dello scopritore, che è l’astronomo statunitense dell’Università dell’Arizona Gregory J. Leonard, il quale il 3 gennaio di quest’anno la fotografò dall’Osservatorio di Monte Lemmon, nei pressi di Tucson; la lettera “C” vuol dire che è una cometa non periodica o a lungo periodo, cioè ha un’orbita iperbolica o parabolica, per cui dopo il suo passaggio al perielio non la rivedremo più; “2021” è l’anno della scoperta; la lettera “A” indica che è stata scoperta nella prima metà del mese di gennaio; il numero “1” significa che è la prima cometa scoperta.

La cometa è già stata fotografata in diverse parti dell’emisfero boreale, tra i quali l’astronomo non professionista australiano Michael Mattiazzo (lo scopritore della cometa “C/2020 Swan”) e gli astrofili Franco Traviglia e Anna Maria Catalano dell’Osservatorio astronomico di Scordia, in provincia di Catania. Mattiazzo ha immortalato l’astro chiomato utilizzando da remoto un telescopio situato nel New Mexico, in attesa di riprenderlo con i suoi strumenti quando, nella seconda metà di dicembre, sarà visibile dall’emisfero australe. Traviglia e Catalano, invece, sono riusciti a immortalare questa appariscente “palla di neve sporca” alle 3 della notte del 5 dicembre scorso, tra le stelle della costellazione di Bootes (Bovaro o Bifolco), utilizzando un telescopio rifrattore apocromatico con corpo macchina Canon 50D modificata con filtro anti inquinamento luminoso. “Si poteva fare di più – si rammaricano i due astrofili scordiensi -, ma l’orizzonte orientale è penalizzato dal riverbero dell’eccessiva luce della cintura di Catania e ciò non ci ha permesso di andare oltre. Peccato, perché adesso la Leonard declina velocemente abbassandosi sempre di più sul piano dell’orizzonte”. “Sarà possibile osservare la cometa Leonard – suggerisce l’astrofilo Rosario Catania – al mattino dalle 5 alle 6 prima dell’alba guardando a est. Non siamo ancora certi che si vedrà a occhio nudo, ma sicuramente sarà possibile osservarla e fotografarla con un piccolo telescopio oppure con una reflex dotata di un teleobiettivo luminoso come un 300 mm. In ogni caso, sarà una occasione per tentare di riconoscere le costellazioni del cielo invernale”.

La cometa Leonard ha un’orbita retrograda (cioè si muove in senso orario), viaggia con una velocità orbitale assai elevata, ha un nucleo di circa 10 km di diametro avviluppato da una vistosa e ampia chioma, seguito da una lunga coda si estende fino a 100.000 km. Questa cometa è stata scoperta il 3 gennaio di quest’anno quando era a circa 750 milioni di chilometri dal Sole Il 12 dicembre sarà alla minima distanza dal nostro pianeta (35 milioni di km) e sarà visibile prima nell’emisfero boreale e poi in quello australe: potremo ammirarla fino al 14 dicembre, ma sarà molto bassa, ad appena 10 gradi sopra l’orizzonte orientale, prima dell’alba. Vale la pena la levataccia notturna per scrutare il cielo tra le nuvole alla ricerca di questo suggestivo astro che ha il destino segnato: o sarà disintegrato quando, il 2 gennaio del nuovo anno, arriverà al perielio oppure, se uscirà indenne dal rendez-vous col Sole sparirà per sempre, non tornerà più perché la sua orbita iperbolica si chiude all’infinito.  

            Le comete sono oggetti imprevedibili e la Leonard non fa eccezione, potrebbe riservarci un bel regalo di Natale aumentando all’improvviso di luminosità e rendersi visibile in cielo. Occhi e strumenti, dunque, puntati verso il cielo con la speranza che l’apparizione di questo vagabondo dello spazio possa regalarci un’emozione, che con i tempi bui che corrono non è cosa di poco conto.

(La foto in B/N della cometa Leonard è dell’astrofilo australiano Michael Mattiazzo, le foto a colori sono di Franco Traviglia e Anna Maria Catalano dell’Osservatorio Astronomico di Scordia, in provincia di Catania: a loro i miei ringraziamenti per la collaborazione).

GIUSEPPE SPERLINGA

 https://www.lasicilia.it/societa/news/non-e-natale-senza-cometa-ecco-come-vedere-leonard-durante-le-feste-1422516/

 cometa-leonard-la-sicilia-15dicembre2021 c-2021-a1-leonard-foto-michael-mattiazzo cometa-leonard-foto-franco-traviglia-5dicembre2021-ore-3-da-scordia cometa-leonard2-foto-franco-traviglia-5dicembre2021-ore-3-da-scordia cometa-leonard3-foto-franco-traviglia-5dicembre2021 cometa-leonard4-foto-franco-traviglia-5dicembre2021-ore-3-da-scordia

SHOW PLANETARIO NEL CIELO DI DICEMBRE 2021

Il quotidiano “La Sicilia” di oggi, martedì 7 dicembre 2021, pubblica la consueta rubrica mensile di divulgazione astronomica. Lo spazio è tiranno e, purtroppo, costringe a tagli e rinunce talvolta di interi capoversi.

A beneficio di coloro che avessero voglia di leggermi fino in fondo, ecco qui di seguito il testo integrale dell’articolo sul cielo di dicembre.
Buona lettura!
G. Spe.
SHOW PLANETARIO NEL CIELO DI DICEMBRE 2021
“Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia”. Nella realtà, però, non è così, perché il dì più breve dell’anno è il 21 (o il 22) dicembre, giorno in cui cade il solstizio invernale. Il giorno della festa liturgica di Santa Lucia, alla latitudine di Catania, il Sole sorge alle 6,59 e tramonta alle 16,49: la durata del dì è di 9 ore e 50 minuti. Il 21, invece, il dì è più breve di due minuti: dura, infatti, 9 ore e 48 minuti, perché il Sole sorge alle 7,04) e tramonta alle 16,52.
Il 18 dicembre la nostra stella diurna passa dalla costellazione dell’Ofiuco a quella del Sagittario. Non la pensano allo stesso modo gli astrologi, che non contemplano nei loro oroscopi la tredicesima costellazione dello Zodiaco, che è quella di Ofiuco. Le cose stanno così: lo scorso 23 novembre, il Sole ha lasciato la costellazione della Bilancia per passare in quella dello Scorpione, dove vi è rimasto appena sei giorni, cioè fino al 29 dello stesso mese, giorno in cui è passato in Ofiuco. L’astro, nel suo apparente movimento attorno alla Terra, il 18 dicembre lascia Ofiuco e fino al 18 gennaio del nuovo anno lo vedremo proiettato tra le stelle del Sagittario. Gli astrologi, invece, non tengono conto né del lento movimento millenario della precessione degli equinozi né dell’esistenza della costellazione di Ofiuco e, continuando a “leggere” un cielo fossile di duemila anni fa, ammanniscono oroscopi a beneficio dei creduloni. L’indimenticabile giornalista e astrofilo Luigi Prestinenza, che ideò e curò questa rubrica per oltre mezzo secolo, soleva ripetere che l’oroscopo dovrebbe riportare in calce un’avvertenza analoga a quella dei pacchetti delle sigarette: “La lettura dell’oroscopo nuoce gravemente alla sanità mentale”.
Il piccolo Mercurio è visibile al tramonto e il 29 sarà facile da rintracciare nel cielo occidentale perché si troverà vicinissimo al luminoso Venere. Il pianeta rosso, Marte, è visibile al mattino presto nel cielo sud-orientale, basso sull’orizzonte. Giove e Saturno li possiamo ammirare di sera nel cielo occidentale. Urano è osservabile per gran parte della notte nel cielo sud-occidentale. Nettuno, infine, è rintracciabile nello stesso cielo, ma solo nella prima parte della nottata. Da non perdere le congiunzioni della Luna con Marte, alle 6.30 del 3 dicembre (difficile da osservare); con Venere, Saturno e Giove rispettivamente il 7, l’8 e il 9 sempre alle 18; con le Pleiadi alle 21 del 16. L’anno si chiuderà con la congiunzione tripla, alle 6 del mattino, tra la Luna, Ares (Marte) e il suo alter ego Antares (il cuore rosso dello Scorpione). I cieli serali tra il 15 e il 17 dicembre offriranno lo show planetario di Venere, Saturno e Giove che si mostreranno quasi allineati. Altro spettacolo celeste sarà offerto dallo sciame meteorico delle Geminidi, paragonabili alle più note Perseidi, che tutti conoscono come “lacrime o fuochi di San Lorenzo”. Queste “stelle cadenti” solcheranno il cielo con le loro scie luminose tra il 3 e il 19 dicembre, ma il picco si avrà nella notte tra il 13 e il14 con una pioggia di circa 100 meteore all’ora, quasi una stella cadente al minuto! Le Geminidi possiamo vederle sfrecciare ed esprimere i nostri desideri guardando in qualsiasi zona del cielo, ma è utile puntare lo sguardo in direzione del loro “radiante”, cioè il punto dal quale sembrano provenire le meteore, che è vicino alla stella Castore, la più luminosa nella costellazione dei Gemelli.
Il cielo di dicembre è dominato dall’inconfondibile costellazione di Orione, accompagnata dai fedeli Cane Maggiore con Sirio e Cane Minore con Procione, dal Toro e dai Gemelli. Ma la costellazione del mese è l’Auriga (o Cocchiere) con la brillante Capella (la capretta Amaltea che allattò Giove), facile da individuare per la sua forma a pentagono. Nella mitologia classica, Mirtilo, figlio di Ermes e amico di Pelope, fu scelto da Enomao come suo auriga (cioè colui che guidava il carro da guerra e partecipava alle corse dei carri che si svolgevano dell’antica Grecia). Pelope si era innamorato di Ippodamia, figlia di Enomao, il quale avrebbe concesso la figlia solo a chi lo avesse superato in una gara con i carri. La gara fu vinta da Pelope grazie al sabotaggio di Mirtilo ai danni di Enomao. Come tutti i traditori, Mirtilo fu ucciso da Pelope per timore che raccontasse la verità. Il suo corpo fu trasportato in cielo da Ermes nella costellazione dell’Auriga.
GIUSEPPE SPERLINGA
cielo-di-dicembre-2021-la-sicilia-7dicembre2021 allineamento-venere-giove-saturno-15-dicembre2021 allineamento-venere-giove-saturno-16-dicembre2021 allineamento-venere-giove-saturno-17-dicembre2021 auriga cdm_20211203_0630_congiunzionelunamarte cdm_20211207_1800_congiunzionelunavenere cdm_20211208_1800_congiunzionelunasaturno cdm_20211209_1800_congiunzionelunagiove cdm_20211216_2100_congiunzionelunapleiadi cdm_20211229_1730_congiunzionemercuriovenere cdm_20211231_0600_congiunzionelunamarte congiunzioni-luna-pianeti-dicembre2021

DEGRADO MERIDIANA OTTOCENTESCA BASILICA BENEDETTINI DI CATANIA

Il vergognoso stato di degrado in cui è stata fatta precipitare la monumentale basilica benedettina di San Nicolò l’Arena di piazza Dante, a Catania, è inaccettabile e indegno di una città civile. Viene spontaneo chiedersi se in questa città esiste una Soprintendenza ai Beni Culturali e, se ne abbiamo una a Catania, come mai non ha ancora ritenuto di intervenire con adeguati interventi restauro conservativo?
Agli inizi dello scorso mese di ottobre, nella qualità di presidente dell’associazione “Stelle e Ambiente”, ho invitato il prof. Giovanni Grasso, presidente della Settima Commissione Cultura del Comune di Catania, a effettuare un sopralluogo nella chiesa per segnalare sia il pietoso stato di abbandono dei singoli altari laterali, sia la scarsa pulizia della splendida Meridiana di Sartorius e Peters, autentico “gioiello” della Gnomonica ottocentesca che il mondo intero ci invidia, oltraggiata per mesi da un lacero e sporco tappeto che la occultava nella parte centrale e da un consunto cordoncino che ne delimita i limiti. L’impegno del prof. Grasso, persona di rara sensibilità culturale, non è venuto meno che ha subito reperito i fondi necessari per attivare tutti gli interventi necessari al fine di restituire dignità e decoro all’antica Meridiana.
Nell’eccellente articolo a tutta pagina della cara amica e collega giornalista Pinella Leocata, che ringrazio per il suo impegno civile, pubblicato oggi 8 novembre 2021 sul quotidiano “La Sicilia” di Catania, potrete leggere in quale penoso stato di abbandono si trova il monumentale tempio benedettino.
Giuseppe Sperlinga
immagine4 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-13 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-14 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-20 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-21 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-31 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-17 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-19 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-24 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-25 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-29 tappeto-e-nodi-cordone-meridiana-basilica-benedettini-piazza-dante-settembre2021-30 dscn9882 dscn9886 dscn9887 dscn9888 dscn9890 dscn9892

APPARE IL GIGANTE ORIONE NEL CIELO DI NOVEMBRE
Nel cielo di novembre sono ancora presenti le costellazioni di Andromeda con la sua omonima galassia spirale simile alla nostra ma molto più grande, di Pegaso, riconoscibile per il suo celebre Quadrato ai cui vertici vi sono quattro stelle, una delle quali appartiene ad Andromeda, e del Cigno con la luminosa Deneb. Intanto, a oriente, sono già apparse le costellazioni che domineranno i cieli dei mesi invernali: l’Auriga con la brillantissima Capella (la mitologica Capretta che allattò Giove) e il Toro con la rossa Aldebaran e gli ammassi aperti delle Pleiadi e delle Iadi, la cui apparizione in cielo preannuncia l’imminente arrivo del gigante Orione, il grande cacciatore ucciso dallo Scorpione, il quale si affretta a tuffarsi oltre l’orizzonte occidentale se vuole evitare di essere trafitto dalle sagitte scoccate dal Sagittario. Il Toro è seguito dalle costellazioni dei Gemelli, del Cancro e del Leone. Orione è già visibile nelle prime della notte nel cielo sud-orientale insieme con l’inseparabile brillantissima Sirio del Cane Maggiore. È, invece, assai scarno di stelle appariscenti il cielo meridionale, con la sola eccezione di Fomalhaut, la stella più luminosa della costellazione del Pesce Australe. Sempre a Sud, sono visibili le costellazioni dell’Aquario, dei Pesci e dell’Ariete. Nel cielo settentrionale, il Gran Carro dell’Orsa Maggiore molto basso sull’orizzonte, ma dalla parte opposta spicca l’inconfondibile “W” di Cassiopea con accanto la tenue casetta di Cefeo.
Passiamo alla consueta carrellata planetaria. All’inizio del mese, il minuscolo Mercurio sorge un’ora e mezza prima del Sole e sarà rintracciabile a oriente. Poi s’abbassa progressivamente sull’orizzonte fino a sparire di scena. Il luminosissimo Venere continuerà a brillare per quasi tre ore dopo il tramonto del Sole. Il pianeta rosso, Marte, lo rivedremo prima dell’alba a oriente, ma sarà bassissimo sull’orizzonte e quindi difficile da avvistare. Il gigantesco Giove appare già al crepuscolo e continua a dominare il cielo sud-occidentale. L’osservabilità del pianeta degli anelli, Saturno, è simile a quella di Giove, ma tramonta un’ora e mezza prima. Urano è osservabile con l’ausilio di un telescopio per tutta la notte nel cielo orientale appena fa buio. Nettuno, infine, è rintracciabile a Sud nella prima parte della notte.
La sera dell’8 novembre, la Luna sarà in congiunzione con il pianeta Venere nel cielo sud-occidentale. Nella serata dell’11 novembre potremo osservare il solito ménage a trois tra la Luna al primo quarto e i due giganti del Sistema solare Giove e Saturno proiettati tra le stelline della costellazione del Capricorno. Suggestivo pure, nella notte del 19 novembre, l’incontro tra la Luna e gli ammassi delle Pleiadi e delle Iadi, nella costellazione del Toro.
GIUSEPPE SPERLINGA
La Nebulosa di Orione nella bellissima foto del mio indimenticato alunno Giovanni Lombardo, poliziotto-astrofilo a Bari.
cielo-novembre-2021-la-sicilia-3novembre2021 nebulosa-di-orione-foto-giovanni-lombardo

LO SPRECO DELLE ACQUE DELLA LICATIA

LO SPRECO DELLE ACQUE DELLA LICATIA
Il quotidiano “La Sicilia” di oggi, sabato 9 ottobre 2021, pubblica un ampio servizio a firma di chi scrive sull’allagamento delle vie Leucatia e Pietro Novelli, che da giorni sono diventate autentici torrenti per una banale occlusione di una canaletta di scolo.
Negli ultimi trent’anni, se Catania fosse stata amministrata da persone capaci, competenti, animate dall’amore per la propria città, non avremmo mai visto due strade trasformate in fiumi per quasi una settimana per l’intasamento di una canaletta che convoglia le acque sorgive della Leucatia nel canale di gronda.
Per dirla tutta, in una città civile non si sarebbe mai permesso che cinque miliardi di litri all’anno di buona acqua proveniente dall’Etna fossero trasportate fino in mare, inutilizzate, sprecate. E’, questo, un problema molto più complesso che riguarda l’intera Timpa di Leucatia, uno straordinario patrimonio storico-naturalistico che, dopo oltre vent’anni di ricerche, studi e proposte di tutela, valorizzazione e fruizione, è ancora oggi fossilizzato e di proprietà di privati. Ma questo è un altro discorso che a quanto pare continua a non interessare i due Comuni confinanti, quello di Catania e quello di S. Agata li Battiati. E non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.
Giuseppe Sperlinga
perdita-acqua-leucatia-la-sicilia-9ottobre2021 acque-leucatia-allagano-strade-di-canalicchio-1 acque-leucatia-allagano-strade-di-canalicchio-2 acque-leucatia-allagano-strade-di-canalicchio-3 acque-leucatia-allagano-strade-di-canalicchio-4 acque-leucatia-allagano-strade-di-canalicchio-5 acque-leucatia-allagano-via-leucatia-e-novelli-8ottobre2021

ANDROMEDA NEL CIELO DI OTTOBRE 2021

Il quotidiano “La Sicilia” di oggi, martedì 5 ottobre 2021, pubblica la consueta rubrica di divulgazione astronomica “Il Cielo”, a firma di chi scrive, dedicata ai fenomeni celesti del mese di ottobre.
Un particolare ringraziamento all’autore della bellissima foto della galassia di Andromeda realizzata con grande bravura dall’ottimo amico Franco Traviglia dall’Osservatorio astronomico di Scordia (Catania).
Buona lettura!
Giuseppe Sperlinga
cielo-ottobre2021-la-sicilia-5ottobre2021 galassia-di-andromeda-foto-franco-traviglia-scordia

RESTAURO OROLOGIO SOLARE OTTOCENTESCO A ORE ITALICHE DI VALVERDE

Ampio resoconto a firma dell’ottimo amico e collega Carmelo Di Mauro su La Sicilia di oggi, mercoledì 29 settembre, sulla inaugurazione dei due orologi solari a ore italiche di Valverde, avvenuta sabato scorso: quello ottocentesco (1854) e quello moderno progettato dall’amico gnomonista geom. Michele Trobia.
I semi sono stati gettati: germoglieranno nell’immediato futuro numerosi altri orologi solari sulle pareti delle case di Valverde?

orologio-solare-valverde-la-sicilia-29settembre2021

TORNA A FUNZIONARE L’OTTOCENTESCO OROLOGIO SOLARE A ORE ITALICHE DI VALVERDE (CT)

Dopo decenni di oblìo, dimenticato da tutti e reso invisibile agli occhi degli stessi abitanti, molti dei quali ne ignoravano l’esistenza, poco dopo mezzogiorno di sabato 25 settembre 2021, è tornato al suo antico splendore e a funzionare il restaurato Orologio solare ottocentesco a ore italiche di corso Vittorio Emanuele III di Valverde, ridente paesino alle porte di Catania.
L’intervento di recupero e valorizzazione culturale di questo quadrante solare datato 1854 è stato proposto dall’associazione “Stelle e Ambiente” di Catania, col supporto scientifico dell’esperto gnomonista geometra Michele Trobia, che ha progettato il nuovo orologio solare a ore italiche posto al disotto di quello antico, ma più completo perché corredato dalla retta equinoziale e dalle curve solstiziali, nonché da quattro tabelle esplicative apposte lateralmente che, pure esso, da sabato scorso è entrato in funzione. L’intervento di restauro conservativo è stato realizzato dalla ditta Calvagna di Aci S. Antonio, la stessa che portò a compimento il complesso e delicato restauro dell’orologio solare ottocentesco ideato dal sacerdote-scienziato Salvatore Franco di Biancavilla (CT) e apposto sulla parete di un edificio che si affaccia nella corte dell’Arcivescovado di Catania (pure questo intervento di recupero fu possibile attuarlo grazie alla tenacia del geometra Trobia).
Sabato scorso, a svelare al pubblico l’orologio solare a ore italiche ottocentesco restaurato e quello moderno di Trobia sono stati il sindaco di Valverde, arch. Angelo Spina, e l’assessora Maria Carmela Gammino, che ha svolto un ruolo determinante nella complessa operazione che ha consentito il ripristino di questo autentico “gioiello” della Gnomonica ottocentesca. Erano presenti il presidente di “Stelle e Ambiente”, prof. Giuseppe Sperlinga, il geometra Michele Trobia, i consiglieri di “Stelle e Ambiente” professoressa Giovanna Cavallaro e signor Salvatore Silviani e l’amico Michele Torrisi di Valverde, che qualche anno fa segnalò al prof. Sperlinga l’esistenza dell’antico quadrante solare.
Adesso è auspicabile che i due orologi solari a ore italiche diano l’input alla realizzazione di altri quadranti e meridiane solari affinché Valverde presto diventi il “paese delle Meridiane”, come Aiello del Friuli, dove accorrono ogni anno migliaia e migliaia di persone per ammirare questi capolavori della Gnomonica.
inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-41 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-44 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-45 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-46 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-47 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-16 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-19 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-25 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-26 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-28 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-30 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-33 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-36 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-50 2021_09_25-jpg-6681-valverde-catania-foto-a-pappalardo inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-13 inaugurazione-orologio-solare-ottocentesco-a-ore-italiche-25settembre2021-21 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-48 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-49 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-58 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-62 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-64 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-66 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-67 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-80 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-83 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-84 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-86

dav

dav

restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-3 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-4 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-7 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-8 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-13 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-14 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-15 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-22 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-23 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-28 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-34 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-36 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-37 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-38 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-39 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-40 restauro-orologio-solare-valverde-settembre2021-41

PERCHÉ È SBAGLIATO CHIAMARLA “GROTTA DELLE NEVI” (AL PLURALE)

PERCHÉ È SBAGLIATO CHIAMARLA “GROTTA DELLE NEVI” (AL PLURALE)
La piccola galleria di scorrimento lavico che si apre a poche decine di metri dalla Mareneve, a un paio di chilometri dal bivio per il rifugio Citelli, in località Piano delle Donne del Comune di S. Alfio, è una caverna da tutti conosciuta con quattro sinonimi: grotta della Neve, grotta dei Ladri, grotta dei Ladroni e grotta dei Briganti. Ignoravamo, però, che ve ne fosse un quinto, quello di “grotta delle Nevi”, al plurale. A coniare questo nuovo sinonimo non sono stati gli speleologi né le guide turistiche: è stato il Dipartimento regionale sviluppo rurale e territoriale della Regione Siciliana, una struttura afferente all’Assessorato regionale dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea, come si legge nelle due tabelle di legno apposte nei pressi della cavità. Una di queste si trova accanto alla recinzione di uno dei pozzi artificiali che “bucano” la cavità, l’altra è stata collocata a bordo della strada, accanto alla capannina che espone una corretta tabella bilingue sulla cavità curata dal geologo Carlo Cassaniti per “Etna Romance”, un progetto culturale promosso da un partenariato di soggetti pubblici e privati.
A commettere un simile errore deve essere stato qualcuno “digiuno” in materia speleologica, dimostrando pure di non conoscere adeguatamente le grotte dell’Etna e l’uso che l’uomo ne ha fatto in passato. Non dato sapere, infatti, a quale fonte bibliografica abbia attinto per stabilire che il nome della piccola galleria di scorrimento lavico preistorica è “delle Nevi” anziché “della Neve”, come invece la denominò, nel Settecento, il pittore-viaggiatore fiammingo Jean Houel, che, nel suo “Voyage pittoresque” del 1782-87, dipinse la scena di alcuni uomini che trasportano sulle spalle sacchi di neve all’esterno della caverna (il quadro si trova esposto all’Ermitage di San Pietroburgo, in Russia) e come è stata registrata nel catasto speleologico regionale.
La grotta della Neve fu utilizzata, nel secolo dei Lumi, come neviera dai Cavalieri di Malta. Il piccolo tunnel lavico, infatti, possiede due ingressi ed è perforato da tre camini che lo mettono in comunicazione con l’esterno e attraverso i quali, un tempo, veniva introdotta la neve. All’interno, sono presenti due sale: una è detta “Salone dei Ladri”, perché, narra una leggenda, che era utilizzata come rifugio da una banda di briganti che imperversava nella zona depredando gli ignari viandanti (da qui, il nome di “grotta dei Ladroni o dei Ladri”). L’altra si trova dalla parte opposta e vi si può accedere o uscire attraverso una serie di scalini scavati nella roccia. E’, questa, la “Sala Houel”, perché qui, Jean Houel, dipinse la scena di alcuni uomini che trasportano sulle spalle sacchi di neve all’esterno della caverna. Qui, i sacchi venivano avvolti con felci e, a dorso di mulo, li trasportavano al porto di Riposto per essere imbarcati sui velieri diretti a Malta, dove utilizzavano la neve dell’Etna per farne sorbetti nel periodo estivo.
           GIUSEPPE SPERLINGA
jean-houel-grotta-della-neve tabelle-grotta-della-neve-8settembre2021-5 monti-sartorius-21luglio2020-24 monti-sartorius-21luglio2020-22 monti-sartorius-21luglio2020-23 monti-sartorius-21luglio2020-25 monti-sartorius-21luglio2020-30 monti-sartorius-21luglio2020-39 grotta-della-neve-sala-houel-aprile2017 monti-sartorius-21luglio2020-2

INAUGURAZIONE A VALVERDE (CT) DEL RESTAURATO OTTOCENTESCO OROLOGIO SOLARE A ORE ITALICHE

SABATO 25 SETTEMBRE 2021
ORE 12.00
CORSO VITTORIO EMANUELE III, 124
VALVERDE (CATANIA).

dav

L’Associazione “Stelle e Ambiente” è lieta di invitare i soci, gli amici e i simpatizzanti alla
INAUGURAZIONE DEL RESTAURATO OROLOGIO SOLARE OTTOCENTESCO A ORE ITALICHE
e alla
INAUGURAZIONE DEL NUOVO OROLOGIO SOLARE A ORE ITALICHE (progettato dal geometra Michele Trobia, esperto di Gnomonica e progettista di quadranti solari).
 
LA PARTECIPAZIONE E’ LIBERA.
***************
Dopo decenni di oblio e con oltre un anno e mezzo di ritardo a causa della devastante pandemia del Sars CoV-2 cui è associata la malattia del Covid-19, sabato 25 settembre tornerà finalmente a splendere e a funzionare l’ottocentesco Orologio solare a Ore Italiche di Corso Vittorio Emanuele III di Valverde. Il restauro conservativo di questo prezioso manufatto è stato proposto dall’Associazione “Stelle e Ambiente” all’Amministrazione Comunale valverdese ed è stato reso possibile grazie alla sensibilità culturale del Sindaco Angelo Spina e dell’Assessora Maria Carmela Gammino, i quali hanno approvato anche la realizzazione di un nuovo quadrante a “Ore Italiche” collocato nello spazio sottostante a quello ottocentesco e le Tabelle esplicative apposte nel totem adiacente, entrambi frutto dell’ingegno del geometra Michele Trobia, esperto di Gnomonica e progettista di quadranti solari. A loro, all’amico Michele Torrisi di Valverde, che qualche anno fa me ne segnalò la presenza, e a tutti coloro i quali hanno sostenuto questa iniziativa culturale va il mio plauso personale, quello dell’Associazione che mi onoro di rappresentare e pure quello dei cittadini di Valverde.
Prof. Giuseppe Sperlinga
Presidente Associazione “Stelle e Ambiente”