Stelle e Ambiente

Notizie

OMAGGIO AL GRANDE SACERDOTE-SCIENZIATO SALVATORE FRANCO DI BIANCAVILLA

Il mio articolo pubblicato sul Grifone di aprile, bimestrale dell’Ente Fauna Siciliana, vuole essere l’omaggio alla memoria del grande sacerdote-scienziato Salvatore Franco (1868-1934), nativo di Biancavilla (Ct), progettista dello splendido orologio solare verticale tornato a splendere sulla parete dell’edificio nella corte dell’Arcivescovado di Catania, dopo 82 anni di oblìo, grazie alla tenacia dell’amico Michele Trobia, esperto di Gnomonica, che convinse due arcivescovi a intervenire affinché fosse recuperato e restaurato per farlo tornare a funzionare come l’aveva ideato il suo progettista.
Padre Salvatore Franco, che spiccò per ingegno e fantasia nel campo scientifico, ci ha lasciato altri due straordinari orologi solari, ancora oggi presenti nella Villa Angela di San Giovanni la Punta (Ct) e mortificati da una assurda tettoia che li ha resi non più funzionanti, e lo straordinario Calendario perpetuo meccanico, oggi esposto nei locali del Museo Diocesano di Catania, che fu premiato con la medaglia d’oro all’Esposizione Universale di Parigi, nel 1900.
Oggi, nessuno si ricorda più di Salvatore Franco, né Catania (che ha persino dedicato uno slargo a Mario Merola pochi mesi dopo la scomparsa del cantante napoletano…) né Biancavilla, che non hanno mai ritenuto di dedicargli una via o una piazza.
L’associazione Stelle e Ambiente, che ho l’onore di presiedere, presto inoltrerà la necessaria documentazione alle Commissioni Toponomastiche dei due Comuni affinché venga colmata questa lacuna.
Buona lettura!
P.S.
Per una comoda e chiara lettura, chi lo desidera, potrà ricevere in privato il formato pdf del numero del Grifone di aprile contenente l’articolo.

grifonea grifoneb orologio-solare-franco-12aprile2014-4 orologio-solare-franco-12aprile2014-5 orologio-solare-franco-12aprile2014-6 orologio-solare-franco-12aprile2014 orologio-solare-franco-arcivescovado michele-trobia-illustra-a-luigi-prestinenza-le-caratteristiche-dellorologio-solare-di-salvatore-franco-15maggio2012

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

calendario-perpetuo-meccanico-di-salvatore-franco-al-museo-diocesano-catania-27gennaio2019-1 calendario-perpetuo-meccanico-di-salvatore-franco-al-museo-diocesano-catania-27gennaio2019-2 calendario-perpetuo-meccanico-di-salvatore-franco-al-museo-diocesano-catania-27gennaio2019-3

Il quotidiano La Sicilia di oggi, domenica 30 giugno 2019, dedica una intera pagina ai “gioielli” naturalistici di Motta S. Anastasia: il Neck vulcanico e la Valle dei Sieli. L’articolo è a firma di chi scrive e la pagina avrebbe dovuto ospitare pure due schede dedicate al Neck e ai Sieli, che sono state “sacrificate” per lasciare spazio a una replica del sindaco di Motta S. Anastasia rilasciata al corrispondente locale del giornale, Giorgio Cicciarella.
Per agevolarne la lettura, trascrivo qui di seguito i pezzi nella loro stesura originari, sia quello pubblicato, sia quelli rimasti inediti.
Avrei tanti argomenti per controbattere quasi parola per parola le affermazioni del sindaco Carrà, ma preferisco che siano i lettori, meglio se Mottesi, a trarne le conclusioni.
P.S.
Purtroppo, nel titolo un maligno refuso ha storpiato “Sieli” in “Saeli”. Cose che capitano.
^^^^^^^^^^^^^
Nel territorio di Motta S. Anastasia vi sono due autentici “gioielli” della Natura. Uno è la Valle dei Sieli con i suoi calanchi (le “Valanghe d’inverno”) e i corsi d’acqua perenni che la solcano formando ambienti umidi che ospitano una fauna (Granchio di fiume, Germano reale) e una vegetazione (Tamerici, Cannuccia di palude) straordinarie, un territorio, purtroppo, ferito e brutalizzato da una discarica pubblica che ha distrutto i calanchi e che continua ad ammorbare l’aria del paesello del dongione normanno. L’altro “gioiello” è il Neck vulcanico con i suoi straordinari basalti colonnari a sezione pentagonale ed esagonale, la cui origine risale a oltre trecentomila anni fa. Pure il Neck è mortificato dalla presenza di una microdiscarica abusiva nello slargo e nella aiuola sottostanti i basalti colonnari ed è stato sporcato con la vernice spruzzata da bombolette spray proprio sui basalti prismatici. Le amministrazioni comunali che si sono finora avvicendate non hanno mai ritenuto di elaborare un progetto di tutela, valorizzazione e fruizione di questa “perla” che solo in poche altre località della Terra è possibile ammirare, come il Selciato dei Giganti in Irlanda del Nord, la grotta di Fingal in Scozia, la cascata di Swaitifoss in Islanda, nel Parco Nazionale di Nikko in Giappone, i basalti colonnari di Guspini in Sardegna, l’Hoggar in Algeria, nelle Isole Canarie, nel Massiccio Centrale Francese, la Devil’s Tower negli Stati Uniti. In Sicilia, li ritroviamo anche nel porto di Aci Trezza, alle Gole dell’Alcantara e nelle bancate laviche del Simeto. Se si eccettua il tentativo (finora unico) di valorizzazione culturale effettuato dall’allora preside della scuola media locale, prof. Giuseppe Adernò, con la collaborazione scientifica dell’indimenticabile vulcanologo dell’Ingv di Catania, prof. Romolo Romano, di cui è rimasta testimonianza la grande tabella esplicativa posta all’ingresso del centro storico cittadino, il Neck non è mai stato preso in seria considerazione per una rivalutazione culturale, manca persino una adeguata segnaletica che guidi i turisti e non è sottoposto a videosorveglianza per stroncare gli atti di inciviltà che umiliano questo patrimonio naturalistico straordinario.
Ma la tutela, valorizzazione e fruizione del Neck vulcanico non passa soltanto attraverso il mantenimento della pulizia del sito. Bisogna convincersi una volta per tutte che il Neck è un valore aggiunto nell’ambito di un auspicabile progetto finalizzato al rilancio culturale del paese di Motta S. Anastasia. Non è più accettabile continuare a lasciare il territorio mottese nell’oblio, perché esso è ricco di emergenze naturalistiche che vanno protette, conservate e fruite. È, quello mottese, un patrimonio naturalistico di inestimabile valore ambientale che andrebbe correttamente gestito e destinato alla fruizione dei residenti e dei turisti italiani e stranieri, come è stato accertato in un recente studio svolto sulla Valle dei Sieli che, tra l’altro, aveva lo scopo di elaborare una serie di proposte di itinerari naturalistici ciclopedonali senza trascurare gli aspetti storici che caratterizzano il territorio. Il rilancio culturale del paese, che purtroppo continua a essere noto come il “paese della discarica”, deve passare attraverso progetti che lo facciano apparire come il paese del Neck vulcanico, delle Valli dei Sieli e del Finaita, di Poggio La Guardia, degli ulivi millenari, dei calanchi, del dongione normanno e del suo storico borgo medievale, del Mausoleo di guerra germanico, puntando sia sul turismo culturale stanziale, sia sul turismo scolastico, attività che portano benessere alla popolazione residente e posti di lavoro per i giovani mottesi. Occorre avere il coraggio di invertire la rotta e di dire basta alla politica dell’effimero per puntare verso una politica finalizzata alla realizzazione di strutture culturali stabili rispettose del territorio. E, per raggiungere tale obiettivo, l’unica strada percorribile è l’istituzione del Parco Urbano Intercomunale delle Valli dei Sieli ricadenti nei Comuni di Motta Sant’Anastasia e di Misterbianco.
GIUSEPPE SPERLINGA

LE VALANGHE D’INVERNO
Le Valanghe d’Inverno (valanghe è la corruzione linguistica di calanchi) è il nome locale di una vasta zona calanchiva situata a est dell’abitato di Motta Sant’Anastasia. Com’è noto, i calanchi sono una formazione geologica consistente in una numerosa serie di solchi d’erosione, profondi, stretti e separati fra loro da esili creste rocciose, sui quali non riesce ad attecchire alcuna vegetazione, poiché l’erosione trascina via i semi e le radici. Si possono originare sia per azione delle acque piovane, sia per quelle di ruscellamento su un suolo impermeabile, ma facilmente erodibile, qual è appunto quello costituito dalle argille. Essi si formano in regioni aride, su terreno acclive, dove è stata rimossa la cotica erbosa per effetto dell’eccessivo pascolamento, ma dal punto di vista paesaggistico forniscono una visione affascinante. Qualora volessimo visitare i calanchi dirigendoci verso Poggio la Guardia (270 m s.l.m.), che è la cima più alta della zona, si aprirà ai nostri occhi il suggestivo spettacolo dei calanchi con le loro lame argillose, i colori ocracei e la impressionante nudità del luogo. Purtroppo, sul fondo della valle calanchiva, si noterà la presenza di una orribile puzzolente discarica pubblica che continua a raccogliere i rifiuti provenienti dai Comuni di mezza Sicilia.
G.S.

IL NECK
Mezzo milione di anni fa, là dove oggi si erge l’imponente edificio vulcanico etneo, vi era un grande golfo marino con acque poco profonde, il fondale del quale era ricoperto da vari strati di argille azzurre pleistoceniche. Trecentomila anni fa, si verificò la prima eruzione preetnea in ambiente subaereo nell’area dove oggi sorge l’abitato di Motta S. Anastasia. Si trattò di un’eruzione da cui non fuoriuscì alcuna colata lavica, perché il magma rimase intrappolato nella parte alta del condotto, all’interno del quale, piano piano, cominciò a raffreddarsi e a solidificare, mentre all’esterno si liberavano rapidamente i gas e si accumulavano grandi quantità di frammenti di roccia espulsi durante l’attività esplosiva. Questo particolare tipo di vulcano si chiama “diatrema” e dà origine a un edificio molto basso. Poi, l’erosione degli agenti atmosferici smantellerà l’edificio piroclastico, mettendo così a nudo la massa magmatica ormai solidificatasi, che si mostrerà come una rupe di forma vagamente cilindrica, il “neck” appunto, termine inglese che significa “collo”. A seguito del lentissimo raffreddamento, avviene una contrazione differenziata della massa magmatica ancora allo stato fluido all’interno del condotto, permettendo la formazione di raggruppamenti colonnari basaltici a sezione esagonale e pentagonale, oggi visibili alla base della rupe, da via Montalto.
G.S.

LA VALLE DEI SIELI
La valle dei Sieli è percorsa da un corso d’acqua perenne che si origina da un impluvio situato tra le contrade Ninfo, Cannicciola e Milone e che, nel territorio di Rinazzo, si fa più consistente, per poi passare prima nella Valle della Mendola, dopo nella Saia Mastra e, infine, nel Canale Buttaceto, che a sua volta sfocia nella vecchia ansa del fiume Simeto. Tale sistema acquifero scorre su un suolo costituito da argille marnose azzurre, spesso mescolate a sabbie quarzarenitiche, le stesse che formano il sedimento basale dell’Etna formato da depositi marini di circa due milioni di anni fa (Pleistocene). Un tempo intensamente coltivati, i terreni dei Sieli mostrano, oggi, qualche rada coltura di ulivi, ma in larga misura, oggi, sono utilizzati a pascolo. Ciò nonostante, nelle varie stagioni, si rivestono di fioriture di specie botanicamente interessanti. Per accedere alla valle dei Sieli si suggerisce di percorrere la via dell’Ulivo Millenario, vicina alla via Montalto che si snoda alla base del Neck, ma ancora oggi chiusa (teoricamente) al traffico veicolare e pedonale dopo il distacco di massi dalla rupe. La stradella, in realtà, dovrebbe avere una denominazione al plurale perché ai suoi lati sono presenti diversi maestosi ulivi plurisecolari, alcuni dei quali sono sicuramente millenari, che se potessero parlare ci narrerebbero la storia di quegli luoghi dai tempi della dominazione araba ai giorni nostri. Giunti in fondo alla valle, superato il guado del torrente, s’incontra un voluminoso accumulo caotico di massi lavici localmente noto col termine dispregiativo di “Roccazzo”, che qualcuno ipotizza trattarsi di un secondo neck di dimensioni più ridotte, altri sostengono che potrebbe essere materiale roccioso distaccatosi dal neck soprastante.
G.S.

sieli-la-sicilia30giugno2019

 

i-basalti-colonnari-deturpati-da-scritte-1 i-basalti-colonnari-deturpati-da-scritte-2

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

il-neck-di-motta-visto-dalla-valle-dei-sieli-1 il-neck-di-motta-visto-dalla-valle-dei-sieli-3

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

microdiscarica-alla-base-del-neck-di-motta-3 microdiscarica-alla-base-del-neck-di-motta-4

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

poggio-la-guardia-domina-la-valle-dei-sieli-e-la-discarica-di-motta copertina-tesi-francesco

I LUOGHI DELL’ERUZIONE DEL 1669

DOMENICA 30 GIUGNO 2019 – ORE 9-13

DAL BASTIONE DEGLI INFETTI AL CASTELLO URSINO E IL QUARTIERE DI SAN CRISTOFORO (TERZO E ULTIMO CONTRIBUTO)

In occasione del 350° anniversario dell’eruzione etnea del 1669, l’associazione Stelle e Ambiente organizza per domenica 30 giugno 2019 una passeggiata di mezza giornata dal Bastione degli Infetti al Castello Ursino e il quartiere di San Cristoforo (terzo e ultimo contributo).

Visiteremo inizialmente i ruderi del Bastione degli Infetti e poi quelli del Tindaro e di San Giovanni. La nostra camminata proseguirà per le vie e i cortili del quartiere di San Cristoforo, che fu costruito sulle lave del 1669, fino a giungere al Castello Ursino, dove si concluderà la passeggiata.

Guidano il presidente prof. Giuseppe Sperlinga e il socio Francesco Andronico.

Raduno: ore 9 in piazza Dante.

Info: 3288172095 – 3402161035 (whatsapp).

locandina-bastione-infetti-castello-ursino-30giugno2019

GIOIELLI NASCOSTI DI CATANIA: CHIESE DI S.MARIA DI GESU’, DEI CAPPUCCINI E S.MARIA DELLA MECCA, IPOGEO ROMANO

DOMENICA 23 GIUGNO 2019 – DALLE ORE 9 ALLE ORE 13

GIOIELLI NASCOSTI DI CATANIA: LE CHIESE DI S. MARIA DI GESÙ, DEI CAPPUCCINI E DI S. MARIA DELLA MECCA, L’IPOGEO ROMANO.

L’associazione Stelle e Ambiente organizza per domenica 23 giugno una passeggiata di mezza giornata alla riscoperta dell’Ipogeo romano di via Sanfilippo e delle chiese di S. Maria di Gesù, dei Cappuccini e di S. Maria della Mecca (interno ospedale Garibaldi).

Guidano il presidente prof. Giuseppe Sperlinga e il socio Franco Andronico.

Raduno: ore 9 in piazza Lanza.

Info: 3288172095 – 3402161035 (whatsapp).

locandina-s-maria-di-gesu-ipogeo-romano-23giugno2019

GIORNATA DI STELLE E AMBIENTE A BOSCOSCURO DI RAGALNA (ETNA OVEST)

Splendida “Giornata di Stelle e Ambiente” trascorsa da partecipanti 24 tra soci e amici nell’agriturismo “Boscoscuro” dell’amico dott. Giovanni Castorina, nei pressi di Monte Arso di Ragalna (Etna Ovest). Dopo la bella passeggiata nel bosco misto di querce e castagni e l’abbondante e squisito pranzo, il presidente prof, Giuseppe Sperlinga ha illustrato con l’ausilio di immagini l’attività svolta dall’associazione nello scorso 2018 e nei primi cinque mesi di quest’anno.
E’ seguita l’assemblea dei soci per l’elezione del presidente e del Consiglio Direttivo per il triennio 2019-2022. Il prof. Giuseppe Sperlinga è stato riconfermato presidente, mentre sono risultati eletti per il CD i soci prof. Salvatore Arcidiacono, dott. Luciano Costanzo (cui diamo il benvenuto per il suo primo incarico in seno all’associazione), il sig. Salvatore Silviani, la prof. Giovanna Cavallaro e la dott.ssa Giovanna Marletta.
Nella prima riunione del nuovo CD saranno nominati il Vicepresidente e il Segretario.

dsc06717 dscn9375 dscn9379 dscn9382 dscn9387 dscn9390 dscn9396 dscn9404 dscn9406 dscn9413 dscn9417 dscn9418 dscn9420 dscn9424 dscn9427 dscn9476

ALUNNI DELLA SCUOLA MEDIA STATALE “PLUCHINOTTA” DI BATTIATI ALLA SCOPERTA DELLA TIMPA DI LEUCATIA

Il quotidiano “La Sicilia” di oggi, lunedì 10 giugno 2019, pubblica a pagina 21, un articolo sulla recente attività didattica svolta per i giovani alunni della classe prima sezione I della scuola media statale “Mario Pluchinotta” di S. Agata li Battiati (Ct), su iniziativa del prof. Sergio Reina.
L’attività era articolata in due fasi, la prima in aula, durante la quale il presidente di Stelle e Ambiente, prof. Giuseppe Sperlinga, ha tenuto un seminario su “La Timpa di Leucatia: un patrimonio naturalistico da tutelare, valorizzare e fruire”. La seconda direttamente sul campo, guidati dallo stesso prof. Sperlinga alla scoperta dell’ambiente umido della Leucatia.

^^^^^

ALUNNI DELLA SCUOLA MEDIA PLUCHINOTTA ALLA SCOPERTA DELLA TIMPA DI LEUCATIA

Ventotto alunni della classe prima sezione I della scuola media statale “Mario Pluchinotta” di S. Agata li Battiati sono stati, per una mattinata, veri e propri piccoli “Indiana Jones” alla scoperta dell’ambiente umido della Timpa di Leucatia. A guidarli, il prof. Giuseppe Sperlinga, studioso della Timpa e presidente dell’associazione “Stelle e Ambiente” che, da una ventina d’anni, si batte per l’istituzione di un’area protetta per la valorizzazione e fruizione di questa meravigliosa terrazza verde sulla città, con la collaborazione del prof. Sergio Reina, docente della scuola e promotore dell’iniziativa, e di alcuni genitori. Dopo l’incontro svoltosi nell’aula magna della scuola, nel corso del quale il prof. Sperlinga con l’ausilio di immagini ha dettagliatamente descritto l’intera Timpa di Leucatia, dall’ambiente umido al monte San Paolillo, i giovani studenti si sono addentrati nella folta e intricata vegetazione spontanea percorrendo i sentieri e, a tratti, i ruscelli che solcano l’area dove sono ancora oggi visibili i ruderi del secentesco acquedotto benedettino e della “botte dell’acqua” di partenza, dove confluiva l’acqua che scaturisce da alcune delle tante sorgenti formatisi in seguito al contatto delle lave preistoriche con il sottostante substrato argilloso. La mirabile opera di ingegneria idraulica era stata realizzata dai monaci benedettini per trasportare l’acqua della Licatia, che proviene dallo scioglimento delle nevi dell’Etna, fino al monastero di piazza Dante, dove nei pressi esisteva un’altra “botte dell’acqua” (cui è intitolata una traversa di via Plebiscito nei pressi dell’ex rimessa dell’Amt). Da qui, l’acqua in parte era destinata a soddisfare le esigenze idriche dei monaci, in parte era utilizzata dai catanesi. Purtroppo, oggi, la stessa acqua è inutilizzata, perché in parte finisce nel canale di gronda fino a riversarsi in mare, in parte continua a perdersi nel sottosuolo. Nel corso della ricognizione, i giovani alunni hanno potuto ammirare il bel paesaggio vegetale formato da piante tipicamente legate all’acqua, come la Menta acquatica, la Tifa, la Cannuccia di palude, la Canna comune, il Crescione e il Sedano d’acqua, l’esotica e invasiva Ipomea dai bei fiori violacei e altre specie ancora. Dell’elusiva fauna è stato possibile udire il melodioso canto dell’Usignolo di fiume e scorgere un capanno di uccellatori, i quali continuano a catturare illegalmente l’avifauna della Leucatia a scopo di lucro.

articolo-alunni-pluchinotta-leucatia-la-sicilia-10giugno2019 dscn9096 dscn9098 dscn9102 dscn9150 dscn9153 dscn9154 dscn9159 dscn9160 dscn9163 dscn9164 dscn9169 dscn9170

 

ESCURSIONE MONTE SERRA PIZZUTA GALVARINA (ETNA SUD)

DOMENICA 16 GIUGNO 2019 – ORE 8.30-13

PERIPLO DI MONTE SERRA PIZZUTA GALVARINA (ETNA SUD)

L’ASSOCIAZIONE STELLE E AMBIENTE ORGANIZZA PER DOMENICA 16 GIUGNIO 2019, DALLE 8.30 ALLE 13, UNA ESCURSIONE AL MONTE SERRA PIZZUTA GALVARINA (ETNA SUD, TERRITORIO DI PEDARA).

PERCORSO AD ANELLO LUNGO 2 KM.
DIFFICOLTA’: FACILE.
EQUIPAGGIAMENTO: SCARPONCINI DA TREKKING, CAPPELLINO, BORRACCIA CON ACQUA (1 LITRO), BINOCOLO.
PERCORSO AD ANELLO LUNGO 2 KM. DIFFICOLTÀ: FACILE.
CONTRIBUTO (OBOLO):
– € 5,00 NON SOCI.
– € 2,00 SOCI STELLE E AMBIENTE.
– NON È RICHIESTO ALCUN OBOLO AI MINORENNI, DISOCCUPATI O INOCCUPATI, STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO. 

GUIDANO I PROFESSORI SALVATORE ARCIDIACONO E GIUSEPPE SPERLINGA.

RADUNO:

  • ore 8.30 parcheggio del Parco Gioeni di via Angelo Musco.

INFO

3288172095 – 3402161035 (WhatsApp).

locandina-serra-pizzuta-galvarina-16giugno2019 ricognizione-serra-pizzuta-galvarina-5giugno2019-16 ricognizione-serra-pizzuta-galvarina-5giugno2019-18 ricognizione-serra-pizzuta-galvarina-5giugno2019-21 ricognizione-serra-pizzuta-galvarina-5giugno2019-24 ricognizione-serra-pizzuta-galvarina-5giugno2019-25

9 GIUGNO 2019: GIORNATA DI STELLE E AMBIENTE

GIORNATA DI STELLE E AMBIENTE
Domenica 9 giugno, dalle 9 alle 17, si terrà la giornata di Stelle e Ambiente, che si svolgerà secondo il seguente programma:
– raduni alle ore 9 al parcheggio del Parco Gioeni e alle 9.45 nel piazzale del santuario di Mompileri;
– alle ore 10, escursione nel bosco alle pendici di monte Arso (Ragalna);
– alle ore 13.30, pranzo sociale in agriturismo Boscoscuro (prenotazione obbligatoria entro le ore 21 di giovedì 6 giugno);
– alle 15.30, assemblea generale dei soci, nel corso della quale il presidente, prof. Giuseppe Sperlinga, presenterà il programma di attività culturale ed escursionistico per il secondo semestre dell’anno. Seguiranno l’elezione del Consiglio direttivo per il triennio 2019-2022 e il rinnovo delle quote annuali e iscrizioni.
Info e prenotazioni al 3288172095 – 3402161035 (whatsapp).
EQUIPAGGIAMENTO
SCARPONCINI O ROBUSTE SCARPE DA GINNASTICA, JEANS, CAPPELLINO, FELPA, GIACCA VENTO O K-WAY, BORRACCIA.
PARTECIPAZIONE LIBERA APERTA A TUTTI.

locandina-giornata-stelle-e-ambiente locandina-menu-boscoscuro-9giugno2019

I “GIOIELLI” DI FIUMEFREDDO DI SICILIA: TORRE ROSSA, CASALE PAPANDREA E FOCE DEL FIUME FIUMEFREDDO

Ventitré escursionisti tra soci, amici e simpatizzanti di Stelle e Ambiente, nella mattinata di domenica 19 maggio 2019, guidati dal presidente prof. Giuseppe Sperlinga e dal vicepresidente prof. Salvatore Arcidiacono, si sono recati alla riscoperta di tre “gioielli” di Fiumefreddo di Sicilia: la Torre Rossa (mausoleo di epoca romana), il Casale Papandrea (sito di archeologia industriale già fabbrica di “spirito” e oli essenziali estratti dai limoni della costiera ionica della Sicilia) e la foce del fiume Fiumefreddo.
Un particolare ringraziamento va rivolto ai giovani del Servizio Civile di Fiumefreddo, all’assessora comunale alla Cultura, signora Sebastiana Girgenti, e alla signora Graziella Zappalà, responsabile della Biblioteca e Turismo del Comune di Fiumefreddo, nonché al Maestro del Papiro, Michele Patanè, i quali hanno reso possibile la visita domenicale dei siti comunali.
La bella passeggiata si è conclusa alla foce del fiume Fiumefreddo, alla riscoperta delle piante legate all’ambiente umido fluviale.
dscn9006 dscn9009 dscn9010 dscn9014 dscn9020 dscn9021 dscn9022 dscn9025 dscn9027 dscn9032 dscn9036 dscn9037 dscn9039 dscn9040 dscn9042 dscn9043 dscn9044 dscn9046 dscn9047 dscn9048 dscn9049 dscn9050 dscn9053 dscn9054 dscn9055 dscn9056 dscn9057 dscn9058 dscn9061 dscn9062 dscn9067 dscn9070 dscn9074 dscn9077 dscn9078 dscn9082 dscn9083 dscn9090 dscn9093 torre-rossa-fiumefreddo-19maggio2019-4 torre-rossa-fiumefreddo-19maggio2019-6 torre-rossa-fiumefreddo-19maggio2019-7

LOTTA ALL’INQUINAMENTO LUMINOSO, SI’ AL RISPARMIO ENERGETICO

Il quotidiano La Sicilia di oggi, lunedì 13 maggio 2019, pubblica l’intervento delle associazioni Stelle e Ambiente e WWF Sicilia Nord-Orientale sull’inquinamento luminoso e sul risparmio energetico. Coloro i quali ne condividono il contenuto sono invitati a condividerlo e a darne diffusione al fine di sensibilizzare sia i cittadini sia le amministrazioni comunali.
ACCENDIAMO LE STELLE, SPEGNIAMO LE LUCI LA’ DOVE NON SERVONO.
^^^^^^^^^^^^^^^

L’inquinamento luminoso è un vero e proprio attentato all’ambiente di cui ancora oggi si parla troppo poco, nonostante non sia mai venuto meno l’impegno delle associazioni ambientaliste e degli astronomi professionisti e amatoriali di tutt’Italia. I livelli smodati e mal regolati raggiunti dall’illuminazione pubblica e privata di città e anche di centri minori, addirittura di piccoli borghi hanno creato un riverbero di luci verso l’alto, nell’atmosfera, formando una sorta di schermo lattiginoso dietro il quale letteralmente sparisce il cielo stellato, che è uno dei più begli spettacoli della Natura, sparito dai cieli cittadini e pressoché sconosciuto alle nuove generazioni.

Se si prova a guardare verso Catania da Serra la Nave (Etna Sud) ciò che colpisce è il tappeto luminoso, praticamente senza soluzione di continuità, che si estende sotto i nostri occhi. Tutto ciò si verifica perché si illumina troppo, si illumina male e per troppe ore. Lo spreco è tale da potersi calcolare su un 30-40% in più di quel che sarebbe necessario spendere per l’illuminazione pubblica. Tradotto in cifre, quel 30-40% significa centinaia di migliaia di euro all’anno per una città come Catania, molti milioni di euro nel bilancio energetico di un Paese come l’Italia, soldi letteralmente gettati al vento dalle pubbliche amministrazioni, perlomeno quelle che non hanno capito il problema o, addirittura, non se lo sono posto, per ignoranza o disprezzo dello spreco, visto che si tratta di denaro pubblico. Per non dire dell’inquinamento atmosferico causato dal rilascio di anidride carbonica e di particelle inquinanti che si formano dalla combustione di molte tonnellate di combustibili fossili.

Nella città di Catania, che pure negli ultimi anni si è dotata di moderni impianti di illuminazione pubblica, si fa ancora oggi un cattivo uso dell’illuminazione pubblica e privata: troppe luci mal dirette, lateralmente e verso l’alto, cioè là dove non servono proprio a nulla, molti diffusori luminosi sono inadeguati, come quegli orribili globi di vetro utilizzati per illuminare una quantità di piazze, palazzi, vialetti e spiazzi condominiali, accesi tutta notte, pure quando ci si potrebbe accontentare di livelli d’illuminazione più bassi, nelle strade e nelle piazze svuotate dalle lunghe nottate invernali. Ciò, oggi, si può ottenere predisponendo lo spegnimento di metà o di un terzo dei diffusori oppure riducendo di una certa frazione il potenziale impiegato, con appositi dispositivi messi a disposizione dalle moderne tecnologie. Non è superfluo ricordare ciò che sta accadendo in Norvegia, che è il primo Paese a sperimentare i lampioni auto-oscuranti. Un’azienda norvegese ha sviluppato il primo sistema al mondo di controllo brevettato dei lampioni che riduce lo spreco di energia durante l’illuminazione di strade e altri luoghi pubblici, senza compromettere la sicurezza. Il sistema si chiama “Motion Sensing Street Lighting” e consiste in un’illuminazione che si attiva automaticamente non appena viene rilevato un movimento nell’area circostante. Si tratta di “lampioni intelligenti” che si accendono soltanto quando passano le auto o ci sono persone nelle vicinanze: in questo modo, si risparmiano grandi quantità di energia sull’illuminazione esterna. Nella capitale norvegese è stato sperimentato lungo un tratto di cinque miglia di un’autostrada: le luci a LED si abbassano al 20% quando non ci sono auto, biciclette o pedoni nell’area. In altre parole, è il primo sistema di illuminazione intelligente che si aziona solo quando e dove è necessario, riducendo l’inutile spreco di energia necessario per illuminare completamente le strade quando non c’è traffico e quando non c’è in giro nessuno. Il meccanismo è assai semplice: quando una nuova attività viene rilevata, la luce si accende e il rilevamento viene comunicato in modalità wireless via radio a un determinato numero di lampioni stradali, facendo sì che il consumo di energia si riduca significativamente senza compromettere la sicurezza in strada di automobilisti e pedoni.

Alla luce di quanto prima esposto, le Associazioni Stelle e Ambiente e WWF Sicilia Nord-Orientale, che sono da sempre in prima linea in difesa della Natura e attivamente impegnate nella lotta all’inquinamento luminoso divulgando la necessità e l’importanza del risparmio energetico, tenuto conto che la Sicilia pur essendo una Regione a Statuto speciale non ha mai legiferato in materia di inquinamento luminoso e risparmio energetico, condividono pienamente il documento della Delegazione di Catania della Lipu, pubblicato sul quotidiano “La Sicilia” del 1° marzo 2019, nel quale si sostiene l’approvazione in tempi brevissimi di un Regolamento comunale al fine di disciplinare l’impiego e l’uso di diffusori luminosi adeguati per una drastica riduzione della diffusione delle luci pubbliche e private verso il cielo o in direzione delle facciate dei palazzi, vale a dire dove non serve.

Le scriventi Associazioni si rendono disponibili a qualsiasi forma di collaborazione scientifica e didattica in materia di inquinamento luminoso e risparmio energetico con la Città Metropolitana di Catania e auspicano decisi interventi per la riduzione del primo e per l’incremento dell’altro affinché essi non balzino alla ribalta soltanto in occasione della manifestazione nazionale “M’illumino di meno” della trasmissione “Caterpillar” di RaiRadio2, cioè una sola volta all’anno.

 

Prof. Giuseppe Sperlinga                                            Vita Raiti

Presidente Stelle e Ambiente                      Presidente WWF Sicilia Nord-Orientale                                                     

inquinamento-luminoso-sea-wwf-la-sicilia-13maggio2019 inqunamento-luminoso-1 inqlum2 inqlum3 inqlum4 inqlum5 inqlum6 inqlum7 inqlum8 inqlum9 inqlum10 inqlum11 inqlum12 inqlum14 inquinamento-luminoso-rispermio-energetico