Stelle e Ambiente

Notizie

IL CIELO DI GIUGNO 2020

NEL CIELO DI GIUGNO BRILLA LO SCORPIONE

DUE ECLISSI, IL SOLSTIZIO ESTIVO E LE CONGIUNZIONI LUNA-PIANETI

Due eclissi, una lunare di penombra (il 5) e una anulare di Sole (il 21, visibile solo nel Centro-Sud e per giunta sarà parziale); il solstizio d’estate (il 20); alcune belle congiunzioni tra la Luna e i pianeti: ecco cosa ci riserva il cielo di giugno

Per saperne di più sulle due eclissi, come di consueto, ci siamo rivolti al dott. Piero Massimino, dell’Inaf-Osservatorio Astrofisico di Catania, il quale ci ha fornito i seguenti dati in ora locale per un osservatore posto alla latitudine di Catania. Cominciamo con l’eclissi penombrale di Luna del 5 giugno: inizio ore 19.46, con la Luna molto bassa sull’orizzonte; massimo dell’eclissi alle 21.25 (altezza 11°22’, azimut SE 129°42’, magnitudine penombra 0,56); fine del fenomeno alle ore 23.04 con l’argenteo satellite terrestre a 24° di altezza. Un’eclissi penombrale di Luna si verifica quando il nostro pianeta si trova sulla stessa retta fra il Sole e la Luna, con i tre corpi celesti allineati perché la Luna occupa uno dei due punti di intersezione dei piani orbitali terrestre e lunare, i cosiddetti “nodi”. La Luna, dunque, è in fase di plenilunio. Durante una eclissi di questo tipo, il nostro satellite naturale attraversa uno dei due coni che la Terra proietta nello spazio, quello di penombra, che è più esterno del cono d’ombra. È un fenomeno poco appariscente rispetto alle eclissi totali o parziali di Luna, che invece si verificano quando il satellite s’immerge in tutto o in parte nel cono d’ombra della Terra. Si avrà, infatti, soltanto un impercettibile abbassamento della luce lunare, il disco lunare apparirà leggermente ombrato, come una velatura provocata da masse nuvolose diffuse. Pur non essendo uno spettacolo non paragonabile all’eclissi totale, non mancherà di incuriosire chi ama scrutare il cielo. Quella del 5 giugno sarà la seconda eclissi penombrale di Luna di quest’anno (la prima si è verificata lo scorso 10 gennaio), poi ce ne saranno altre due, il 5 luglio (alle 6.30 del mattino) e il 30 novembre, quest’ultima, però, non sarà visibile dall’Italia.

Vediamo adesso i dati in ora locale per l’eclissi anulare di Sole (sarà parziale per l’Italia meridionale) del 21 giugno, relativi sempre a un osservatore posto a Catania, fornitici dal dott. Massimino: primo contatto alle ore 6.55, altezza 12.9°, azimut 70.2°; fase centrale alle 7.26, altezza 18.6°, azimut 74.3° (magnitudine 0.125); ultimo contatto alle 7.57. altezza 24.7°, azimut 78.5°. Si tratta di una spettacolare eclissi solare anulare, la quale differisce dall’eclissi totale poiché la Luna non oscurerà completamente il disco solare, dal momento che il nostro unico satellite naturale si troverà contemporaneamente sia nel nodo sia alla massima distanza dalla Terra (apogeo), di conseguenza il Sole non risulterà del tutto eclissato, ma sarà oscurato solo nella parte centrale, che sarà circondata da un autentico anello di fuoco. La fase anulare sarà visibile in Africa, Arabia Saudita, India, Cina e Oceano Pacifico. L’ultima eclissi anulare di Sole si era verificata il 26 dicembre dell’anno scorso e la poterono ammirare in Indonesia e nel Pacifico. In Sicilia, per godere dello spettacolo di una eclissi di Sole dovremo aspettare il 12 agosto 2026, ma soprattutto il 2 agosto del 2027, quando si verificherà quella che tutti definiscono “l’evento astronomico del millennio”, perché l’eclissi, quel giorno, interesserà tutto il Mediterraneo e sarà totale a Lampedusa (i turisti arriveranno a frotte) e del 98% in Sicilia. Non è superfluo ricordare che per osservare in sicurezza le eclissi di Sole occorre proteggere gli occhi senza far ricorso a soluzioni fai da te tipo lastre di vetro affumicate o code di vecchie pellicole, il rischio di danneggiare la retina non va sottovalutato, pena la cecità nei casi più gravi. Occorre prendere le giuste precauzioni utilizzando gli appositi occhialini oppure vetri da saldatore con protezione 14. Se si utilizzano telescopi, binocoli e fotocamere occorre schermarli con un filtro chiamato “Mylar”, in vendita nei negozi di ottica specializzati in strumenti astronomici, che consiste in un foglio composto da due sottili strati di plastica separati da un foglietto di alluminio. In ogni caso, mai osservare l’eclissi solare totale o parziale che sia a occhio nudo o, peggio, attraverso un telescopio o binocolo.

Quest’anno, il solstizio estivo cade alle 23.44 del 20 giugno. Sarà il giorno col dì più lungo e la notte più corta dell’anno (a Catania, il dì dura 14 ore e 31 minuti, cui bisogna aggiungere la luce crepuscolare dell’alba e del tramonto), a mezzogiorno il Sole raggiunge la massima altezza sul piano dell’orizzonte, che ovviamente varia a seconda della latitudine: 68° a Milano, 71,5° a Roma, A Milano l’altezza massima è 68° (3° 30′ più basso rispetto a Roma), a Catania è di 75°56’, i raggi solari saranno allo zenit su tutte le località che si trovano sul Tropico del Cancro (la cui denominazione dovrebbe essere mutata in “Tropico dei Gemelli” visto che, a causa della precessione degli equinozi, il Sole solstiziale si trova proiettato nella costellazione dei due Dioscuri), il circolo di illuminazione includerà interamente l’Artico, dove il Sole non sorgerà né tramonterà, ed escluderà l’Antartide.

Rapido sguardo ai pianeti. Mercurio è individuabile molto basso nel cielo occidentale, dove tramonta un’ora e tre quarti dopo il Sole agli inizi del mese (il 4 sarà a 23°36’ che è la massima distanza angolare dal Sole). Venere nei primi giorni del mese sarà inosservabile, ma nella seconda parte del mese sarà Lucifero, l’astro più brillante del mattino che precede di un paio di ore il sorgere del Sole. Il pianeta rosso Marte continua a essere visibile nella seconda parte della notte, a Sud-Est.  Il gigantesco Giove sarà sempre più basso sull’orizzonte sud-orientale sin dalla mezzanotte. Il vero Signore degli anelli, Saturno, sorge un po’ più tardi di Giove. Urano è osservabile a oriente prima che sorga il Sole. Nettuno, infine, è osservabile a Sud-Est, nella seconda parte della notte. Verso la mezzanotte tra l’8 e il 9, nel cielo sud-orientale, spiccherà in cielo un tris d’astri spettacolare formato dalla Luna e da Giove e Saturno. Per i nottambuli segnaliamo la congiunzione tra la Luna e Marte nella seconda parte della notte tra il 12 e il 13 giugno e per chi ama alzarsi presto quella tra l’argenteo satellite terrestre e Venere prima dell’alba del 19 giugno.

Nella tarda serata, nel cielo sud-orientale, domina lo Scorpione, una delle poche costellazioni zodiacali la cui silhouette è verosimile all’animale cui si riferisce, con le tre stelle a destra che rappresentano le chele protese dell’aracnide, il cui cuore è rappresentato dall’inconfondibile luminosa supergigante rossa Antares. Poi vi sono le altre stelle che formano il resto del corpo, con la lunga coda all’estremità della quale vi è Shaula, che in arabo significa pungiglione, aculeo, una stella tripla che occupa il ventiquattresimo posto tra gli astri più luminosi della volta celeste.

GIUSEPPE SPERLINGA

cielo-giugno2020-la-sicilia-4giugno-2020

Commenti

commenti